Cosa fare in caso di bagaglio perso

Il volo con cui sono atterrata a destinazione ha ottenuto cinque minuti di anticipo e quindi, con tutta tranquillità, sono scesa dall’aereo e sono andata a prendere il mio bagaglio. Dopo mezz’ora di attesa, finalmente le valigie iniziano a girare sui nastri trasportatori. Ho visto più di cento valigie, ma della mia nessuna notizia. Attendo ancora nella speranza che il mio bagaglio sia stato imbarcato sulla stiva del volo successivo, ma dopo due ore ogni attesa è vana. Decido così di non rovinare la vacanza tanto attesa, e di rivolgermi ad una agenzia che mi permetta di recuperare il bagaglio o, in alternativa, che sappia seguirmi per recuperare gli importi pari al valore della mia valigia e del suo contenuto. Arrivata nell’agenzia e dopo aver atteso il mio turno, ho ricevuto l’assistenza per il recupero del bagaglio perso.
valigia-smarrita
Nell’agenzia era possibile avere una consulenza legale per i disservizi della compagnia del volo effettuato, e anche come, in caso di accertato smarrimento, come è possibile ricevere un legale per presentarsi davanti l’autorità giudiziaria. L’agenzia dopo 21 giorni, come stabilito dalla legge, mi assicura che le pratiche verranno avviate per il recupero delle somme dovute, e anche per il danno che la compagnia mi ha arrecato. Il primo passo da svolgere è stato quello di guidarmi presso l’ufficio oggetti smarriti dove ho dovuto fare una denuncia dettagliata sul mio bagaglio. Mi sono state richieste le caratteristiche della valigia: colore, dimensione ed eventuali raffigurazioni al di sopra, ed ho dovuto compilare il modulo Pir, acronimo di Property Irregularity Report. Compilando questo foglio, l’agenzia dopo i giorni stabiliti che dichiarano il non ritrovamento del bagaglio e degli oggetti contenuti all’interno, potrà richiedere il risarcimento monetario alla compagnia dove ho effettuato il mio viaggio. Oltre al Pir, mi sono stati richiesti i miei dati personali, e tutti i documenti che avevo riguardo il bagaglio. Dopo aver rilasciato anche una copia del talloncino di registrazione della valigia e il codice di prenotazione del biglietto, l’agenzia che tutela i miei diritti di viaggiatore, mi ha consigliato di rilasciare anche eventuali ricevute in possesso che riguardino i miei oggetti personali che ho riposto all’interno della mia valigia ormai dispersa. L’agenzia a cui ho fatto riferimento, mi ha messa nelle condizioni di capire quando e come poter procedere con vie legali per il recupero del credito che la compagnia mi doveva. Lo smarrimento del bagaglio è stato quindi preso da loro in carico, così da poter riuscire quanto meno a recuperare in denaro il valore della valigia e del suo contenuto.