Quello che devi sapere sulla certificazione energetica

La Certificazione Energetica (ACE) di un immobile è un documento redatto da un tecnico abilitato nel quale sono indicati i consumi energetici dell’edificio e i possibili interventi di miglioramento. Il fine è quello di ottenere un beneficio nelle prestazioni energetiche e un risparmio attraverso le detrazioni fiscali. L’APE (attestato di prestazione energetica) è più completo dell’ACE ed è obbligatorio per le nuove costruzioni, mentre per gli immobili esistenti è richiesto in caso di vendita o di locazione.

I dati da riportare nella Certificazione Energetica
Nell’attestato di certificazione energetica Milano o nel più completo APE il tecnico abilitato descrive l’efficienza dell’impianto di riscaldamento, i dati della produzione di acqua calda sanitaria, i livelli di climatizzazione estiva e l’utilizzo di fonti rinnovabili. Attesta l’appartenenza dell’edificio a determinate classi prestazionali per collocarlo in determinate categorie di comportamento energetico. Il confronto tra questi dati e quelli stabiliti dalla legge fa emergere dei suggerimenti per il cittadino al fine di favorire un miglioramento delle prestazioni energetiche. L’appartenenza alla classe energetica A+ significa basso consumo energetico, invece per gli immobili di vecchia costruzione la classe di appartenenza di solito risulta la G ad alto consumo.


Il tecnico abilitato alla Certificazione Energetica
Il tecnico abilitato alla Certificazione Energetica è un professionista qualificato la cui professione è regolata sia dalla normativa nazionale sia dalla normativa regionale nel caso in cui le singole Regioni abbiano legiferato in merito. il tecnico abilitato può essere sia un pubblico dipendente assunto da enti, organismi e società di servizi pubblici, sia un libero professionista che lavora in uno studio di ingegneria abilitato alla progettazione di edifici ed impianti e regolarmente iscritto al relativo Ordine professionale. Per assicurare l’indipendenza e l’imparzialità di giudizio, il tecnico abilitato deve dichiarare l’assenza di conflitto d’interesse, l’assenza di coinvolgimento nella progettazione e realizzazione dell’edificio o nell’approvvigionamento di materiali utili per ottenere i miglioramenti. Il prezzo richiesto per redigere il documento si aggira intorno alle 300 euro. La parcella varia in base al luogo, alla tipologia di abitazione, alla difficoltà della valutazione da parte del certificatore. Deve inoltre essere emessa regolare fattura con apposito timbro del tecnico abilitato.